lunedì 29 settembre 2008

Coppia: dieci regole per stare bene assieme!




Non pretendete di dividere tutto con il partner. "Separarsi" ogni tanto fa bene: ricordare che oltre all’amore c’è il resto del mondo.

Fate sì che i vostri corpi diventino "amici": coltivate il piacere di dormire abbracciati, di toccarvi, di fare la doccia insieme...

Trovate un collega con il quale confidarvi e sfogare le eventuali insoddisfazioni professionali: il partner non può assorbire sempre il vostro malcontento. Col tempo potrebbe diventare insofferente.

Festeggiate i vostri anniversari. I rituali creano uno stacco dalla routine quotidiana e sono il pretesto per "fare il punto" della situazione affettiva.

Non cercate di "cambiare" il partner. Si può chiedergli di modificare un atteggiamento che vi dà fastidio, ma se non vi accontenta forse è perché non può cambiare.

Non rinunciate a sperimentare. Anche se sul piano sessuale tutto funziona a meraviglia, cercate di scoprire le corde più nascoste del vostro erotismo e del suo.

Non esagerate in tattiche, strategie, bugie. Il mondo di Beautiful è solo in tv: nella quotidianità, sincerità e comunicazione diretta sono una grande atout per la durata.

Giocate con il partner. Soprattutto non vergognatevi di mostrare il vostro lato più infantile e spontaneo: questo dà la misura di quanto potete affidarvi l’una all’altro.

Non rovesciate nella coppia i vostri problemi psicologici. E resistete alla tentazione di usare il partner come uno psicoterapeuta: lui non può aiutarvi realmente (è troppo coinvolto con voi) e prima o poi vi vedrebbe come un paziente da curare, non una persona da amare.

Ricordate di dire spesso al vostro compagno quello provate per lui. Lo sa già? Non importa: sentirselo ripetere è diverso.

Tratto da Cesare De Monti (http://www.demonti.net/)

1 commento:

  1. Caro Andrea nel leggere delle tue proposte ed esplorando il tuo blog
    sento quanto impegno ci metti e trovo i risultati eccelenti!!! :-)

    Sono curioso di incontrarti, alla prima occasione, per ritrovarti e
    scambiare.

    Un caro abbraccio, per intanto.

    Mario Tancredi

    RispondiElimina

Lasciate i commenti quì.